Un anno dopo, ancora quad

Ci risiamo. Come già accaduto lo scorso anno, ecco ripetersi il raduno dei quad tra le valli dolomitiche: se l’errare è umano, il perseverare è diabolico! Le notizie giornalistiche, e la pronta reazione di Mountain Wilderness, ci restituiscono una incomprensibile ottusità delle amministrazioni i cui territori sono coinvolti dalla discutibile iniziativa. In mancanza di una seria analisi di impatto che, se svolta almeno al termine del primo raduno, avrebbe potuto garantire le indispensabili informazioni per utilmente orientare i decisori pubblici, siamo nuovamente di fronte a scelte discutibili e pericolose per l’ambiente alpino. Ed anche se, almeno quest’anno, osserviamo con soddisfazione che nessun comune trentino dell’area dolomitica ha scelto di ospitare la corsa motorizzata, non possiamo che sollecitare le istituzioni della Regione Veneto e la Fondazione Dolomiti UNESCO -naturalmente con gli strumenti che i loro diversi ruoli e funzioni consentono di utilizzare- ad intervenire per arginare il fenomeno e per evitarne il puntuale ripresentarsi in futuro.

This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *