Un impegno per le terre alte

Ci sembra interessante richiamare la Lettera sulla Montagna  del  Coordinamento Gente di Montagna, un appello che raccoglie alcuni gruppi ed associazioni piemontesi, lombarde ed emiliane, indirizzato ai candidati delle prossime elezioni politiche. Ciò che si chiede è di prestare attenzione al futuro delle terre alte e delle comunità che le abitano, non solo dando piena attuazione alle disposizioni legislative già esistenti ma anche avviando politiche innovative coerenti con le peculiarità delle zone montane. Colpisce non poco il fatto che a settant’anni esatti dall’entrata in vigore della Costituzione, la montagna italiana conosca ancora condizioni di marginalità e di grave fragilità che l’art. 44 della Carta intendeva combattere. Nel suo intervento del 13 maggio 1947 in Assemblea costituente, Michele Gortani –primo proponente dell’emendamento che venne poi favorevolmente votato dall’Assemblea- osservava che “voci si sono levate in favore della montagna, voci altruiste reclamanti giustizia e voci utilitarie reclamanti la restaurazione montana come fonte di pubblico bene. Ma le une e le altre sono cadute o nell’indifferenza o nell’oblio. Ed intanto le selve si diradano, inselvatichiscono i pascoli, cadono le pendici in un crescente sfacelo; le acque sregolate rodono i monti ed alluvionano ed inondano le pianure e le valli; intristiscono i villaggi a cui non giungono né strade né i conforti del vivere civile; la robustezza della stirpe cede all’eccesso delle fatiche e delle restrizioni, e la montagna si isterilisce e si spopola”. Ma oggi lo scenario è cambiato, anche se non ovunque. Oggi possiamo iniziare a distinguere tra esperienze diverse, in diversi territori, dove le montagne ed i loro abitanti hanno conosciuto destini differenti. La politica deve fare tesoro delle esperienze positive per replicarne i modelli con intelligenza là dove ancora si ‘reclama giustizia’…

 

 

This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *